“Il sale della terra”, di Jeanine Cummins, ed. Feltrinelli, 2019

Ho divorato questo romanzo, che forse meritava una lettura più lenta, perché è ben scritto, è insieme descrittivo, narrativo, espressivo, riflessivo…
Un romanzo forte, tragico, dolente, che affonda nella paura e nella disperazione, ma che mantiene il filo della umanità, della speranza, dell’amore.
Si “vede” il paesaggio del Messico, con i suoi colori e i suoi profumi. Si “cammina” nel deserto, bellissimo e infernale, Si “incontra” la malvagità e la bontà delle persone…
Si “convive” nel cuore, nei pensieri, nell’animo di Lydia e Luca. E’ il dramma della migrazione forzata, che si consuma nella fatica, nel dolore, ma che non spegne la forza, la tenacia, la speranza degli uomini in fuga.

Laura Montanari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto